Home » Categorie » Notizie Legali » Rovinare la vacanza altrui è illegale

Rovinare la vacanza altrui è illegale

Oltre all’ovvio buon senso adesso vi è anche una sentenza giuridica che sostiene che rovinare le vacanze altrui sia un reato e debba essere punito. A siglare la singolare sentenza è stata la Corte d’Appello di Reggio Emilia che ha riconosciuto il  danno “da vacanza rovinata” ad una coppia di coniugi vittime di un sinistro stradale avvenuto durante la loro partenza.

 

I Fatti

Marito e moglie stanno viaggiando tranquillamente verso l’aeroporto per cominciare la propria vacanza a Rodi in un villaggio turistico di Alpitour. La coppia però rimane vittima di un sinistro stradale che li impossibilita a causa delle ferite riportate ed è costretta a rinunciare alla propria vacanza non chè alle caparre versate per non aver disdetto in tempo le prenotazioni.

I due si rivolgono al giudice di pace chiedendo, oltre agli ovvi danni, un risarcimento per “vacanza non goduta” ma il giudice riconosce soltanto i danni relativi al marito, dichiarando non fondate le richieste della moglie. Non contenti della sentenza i due fanno ricorso in appello ed il tribunale di Reggio Emilia riconosce tutte le richieste avanzate definendo la vacanza “un diritto irrevocabile ed irrinunciabile“.

Il giudice che ha emesso la sentenza ha infatti asserito che, secondo il diritto, la vacanza consente di rigenerare le risorse psico-fisiche abbassando il livello di stress ed agevolando l’incisività sia in ambito lavorativo che familiare dell’individuo. Pertanto esse sono da considerarsi un diritto assoluto tutelabile e non solo come un termine contrattuale verso il tour-operator.

Nel caso in esame il periodo di ferie è stato forzatamente convertito in periodo di malattia a causa del sinistro stradale, evidenziando pertanto il nesso di causalità che ha portato poi alla decisione finale del tribunale.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *