Home » Categorie » Prestiti » Il prestito per risparmiare
prestito per risparmiare

Il prestito per risparmiare

La legge definisce il prestito come la cessione di una determinata quantità di denaro col vincolo della restituzione di capitale di pari valore o superiore. Detto in parole povere, chi riceve un prestito da un investitore, di solito la banca, è poi tenuto per legge a restituire suddetto valore nelle tempistiche e con gli interessi definiti al momento della creazione del contratto.

Come sappiamo ottenere dei prestiti, sopratutto dalle banche, non è affatto facile e richiede di fornire ai suddetti organi finanziari  prove concrete di garanzia. Di seguito proveremo ad analizzare nel dettaglio gli step fondamentali per ottenere un prestito e i parametri da tenere in considerazione al momento della stipulazione del contratto.

Quando si richiede un prestito a una banca prima di tutto è necessario definire il capitale che verrà finanziato, cioè la quantità di denaro che il richiedente desidera ottenere. Dovranno essere definiti anche il tasso annuo nominale (TAN) e il tasso annuo effettivo globale (TAEG) che sono i tassi d’interesse ed il costo della documentazione per quanto riguarda il prestito.  Altri parametri importante sono l’importo, le rate ed eventuali condizioni del prestito ma sopratutto la durata del finanziamento.

La banca farà quindi le proprie indagini per verificare la presenza di garanzie su cui rivalersi in caso di inadempienza da parte del beneficiario del prestito e solo dopo averle valutate approfonditamente deciderà se concedere o meno al richiedente il finanziamento.

Il prestito inoltre può essere finalizzato e non finalizzato. La caratteristica principale che distingue i due tipi di prestito-sovvenzione è basata sul metodo di erogazione e conseguentemente alla restituzione del denaro stesso: nel caso dei prestiti finalizzati, il cliente è obbligato all’acquisto di un bene di consumo specificando comunque la finalità del prestito e mettendo necessariamente a conoscenza l’istituto finanziatore; mentre nel caso di prestiti non finalizzati il cliente non ha alcun vincolo di destinazione ed è libero di disporre della somma richiesta in prestito con maggiore libertà d’azione.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *