Home » Categorie » Notizie Legali » Il lavoro del notaio

Il lavoro del notaio

Una delle figure professionali più ambite e di maggior prestigio a cui uno studente di legge possa aspirare è quella del notaio. Ma perchè questa figura ha così tanta rilevanza? Qual è il vero lavoro del notaio? In questo breve articolo cercheremo di mettere ai raggi x questa professione, spiegando anche a chi non si intende del settore, come e perchè il notaio è così tanto importante.

Quel che spinge una persona a scegliere questa professione, contrariamente a quanto molti credono, non è solo la promessa di uno stipendio di tutto rispetto, anzi probabilmente quello è l’ultimo dei pensieri di un candidato serio. Per divenire notaio, oltre all’ impegno e allo studio costante è fondamentale disporre di uno spiccato senso di responsabilità. Il lavoro del notaio infatti non è quello del semplice libero professionista, come un avvocato ad esempio, egli è al contempo un funzionario pubblico.

Questo significa che il contenuto di qualunque documento, firma o atto che registra, sono una sua precisa responsabilità. Egli risponde direttamente di ciò che certifica ed è una delle poche figure professionali che non può rifiutare alcun incarico che gli viene affidato. Questo dovrebbe far comprendere quanto sia difficile come professione e perchè richieda almeno una decina di anni dopo la laurea per essere ad un livello d’esperienza sufficiente per poter partecipare ad uno dei concorsi nazionali per l’assegnazione dei posti.

Infatti il numero di notai in tutto il paese è limitato per legge, si parla quindi di numero chiuso. Ogni 10 anni lo Stato organizza dei concorsi pubblici, aperti a tutti gli aspiranti notai che rientrano in certi requisiti, e solo i più meritevoli ricevono il posto tanto ambito. Il lavoro del notaio quindi non è semplice e molto meno agiato di quanto si possa pensare.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *